Al G7 delle Finanze di Bari la Web tax. Il tema “cybersicurezza” entra in Agenda

(Teleborsa) – Giornata conclusiva per il G7 delle Finanze a Bari dove il tema “cybersicurezza” è entrato di prepotenza nell’agenda dei G7 che verranno. Un incontro informale che ha preceduto e anticipa il vertice dei capi di Stato che ci sarà tra due settimane a Taormina, il 26 e 27 maggio.

Qui a Bari è stato un “G7 di grade successo per varie ragioni”, ha rivendicato il Ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, nella conferenza stampa della presidenza al termine del G7 finanziario a Bari. “Il sistema finanziario non è indipendente dal contesto tecnologico globale – ha poi osservato il Governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco – e così anche nei G7 a venire ci sarà costantemente una attenzione al ruolo che viene giocato dalla tecnologia”. 

Fra i temi discussi la crescita inclusiva, la lotta alle disuguaglianze, la sicurezza globale con riferimento anche alla cybersecurity e la tassazione internazionale comprendente la cosiddetta Web tax. Questo G7 si conclude quindi con 4 documenti: oltre al consueto comunicato ufficiale, c’è un documento dedicato al problema delle disuguaglianze, una dichiarazione di alto livello sui crimini fiscali e finanziari ed un rapporto sul money transfer.

Secondo quanto riferito dal direttore dell’Fmi, Christine Lagarde, il vertice ha affrontato seriamente tutti i temi previsti. “Io – ha sottolineato – ho parlato anche di come l’inclusione delle donne possa contribuire alla crescita e alla lotta alle disuguaglianze”.

Presenti al meeting le delegazioni dei ministri delle Finanze e i governatori delle banche centrali di sette Paesi (Italia, Francia, Gran Bretagna, Germania, Canada, Stati Uniti e Giappone) oltre al Commissario europeo per gli Affari Economici e Monetari Pierre Moscovici, il Presidente dell’Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem, il Presidente della BCE Mario Draghi e i vertici di FMI, OCSE e Banca Mondiale.

La presidenza italiana con il Ministro dell’Economia Padoan e il Governatore di Bankitalia Visco ha portato un’agenda ambiziosa con il primo punto all’ordine del giorno le politiche di bilancio e di riforme strutturali che possono per dare un spinta al’economia globale. “Il tema della crescita e dell’inclusione sociale è centrale al G7 delle Finanze che si sta aprendo a Bari. Perché senza inclusione non c’è crescita sostenibile”, aveva affermato Padoan, al suo arrivo nella città pugliese.

Riguardo alla crescita l’obiettivo è quello di assicurare un ambiente adatto ad eliminare diseguaglianze e preoccupazioni che possano minare la capacità di espansione.

Nell’ottica di garantire la sicurezza globale si è puntato sulle tematiche relative al miglioramento della cooperazione e dello scambio di informazioni e sulla vigilanza nei servizi di money transfer, spesso associati alle migrazioni.

Su iniziativa della presidenza tedesca del G20 i ministri hanno chiesto alla task force dell’OCSE di preparare un rapporto nella primavera del 2018 che contenga qualcosa di più della semplice analisi, fino ad arrivare a possibili proposte di azione.

L’Italia lavora anche per dare avvio ad un percorso volto a dare mandato all’OCSE di elaborare una strategia sulla tassazione nel settore digitale (web tax). Fra le idee c’è anche quella di creare dei sistemi di misurazione del consumo di dati digitali (contatore digitale), per stabilìre traffico utenti e fatturato.

Al G7 delle Finanze di Bari la Web tax. Il tema “cybersicurezza” entra in Agenda
Al G7 delle Finanze di Bari la Web tax. Il tema “cybersicurezza&...