Usare i social al lavoro fa bene e rende più produttivi

Un nuovo studio riabilita l'uso dei social network e dei sistemi di messaggistica sul luogo di lavoro

Utilizzare chat,  sistemi di messaggistica e social network sul posto di lavoro non solo non dovrebbe essere osteggiato o addirittura sanzionato dalle aziende, ma, al contrario dovrebbe essere incoraggiato. Questo, almeno, è quanto sostengono i recenti studi relativi all’utilizzo della piattaforma Facebook at Work in un gruppo di oltre 300 compagnie grandi e piccole.

Il colosso dei social network, non pago dei record di accessi e iscrizioni raggiunti, ha infatti deciso di allargare il raggio d’azione anche agli ambienti di lavoro, lanciando nel Gennaio 2015 la piattaforma di business social networking chiamata Facebook at Work. E come dargli torto, considerando che il mercato delle piattaforme social per imprese è stimato in 5 miliardi di dollari, che diventeranno 8 entro il 2019.

Dal lancio ad oggi, la piattaforma è stata installata in oltre 300 compagnie, tra cui Heineken, Hootsuite (popolare tool per la gestione dei social media) e addirittura la Royal Bank of Scotland, che, dopo un esperimento pilota, estenderà Facebook at Work a tutti i 100.000 dipendenti entro il 2016.

Cultura collaborativa

Proprio la Royal Bank è tra i più entusiasti sostenitori dell’utilizzo dei social network in ufficio. Il responsabile del design di RBS, Kevin Hanley, è convinto che la piattaforma stimoli la collaborazione tra le varie strutture aziendali e sia un elemento chiave per sviluppare una cultura del lavoro più trasparente, partecipata e collaborativa.

Uno dei motivi principali è che questo genere di piattaforme sono facilmente accessibili e assimilabili da tutti i dipendenti, anche senza specifiche conoscenze informatiche.

La fine delle email?

Uno dei problemi presenti in molte compagnie è l’eccesso di mail di lavoro. Il primo effetto di questa overdose di comunicazioni è che la maggior parte dei dipendenti  non legge tutte le email ricevute. E il risultato finale è che molti degli interessati si trovano tagliati fuori dal processo lavorativo e decisionale semplicemente perché non sono riusciti a leggere la mail.

L’utilizzo delle piattaforme social non significa mandare in pensione le email, che risultano essere lo strumento privilegiato per le comunicazioni a singoli e piccoli gruppi di persone. Per le comunicazioni a gruppi di medie a grandi dimensioni, però, le piattaforme social si sono dimostrate uno strumento ideale.

email-1217

Overdose di informazioni

I detrattori dell’utilizzo dei social al lavoro, per contro, puntano il dito contro due aspetti tipici di questo tipo di comunicazione: l’eccesso di notifiche legate all’attività online e la possibilità di utilizzare la piattaforme per svago, condividendo gli stessi contenuti diffusi sui social network tradizionali.

I primi risultati però mostrano che la maggior parte degli utilizzatori non ha avuto nessuna difficoltà a bloccare le notifiche e che in ultima analisi il blocco delle notifiche risulta efficace nel filtrare le comunicazioni non pertinenti al proprio lavoro. Inoltre, benché i gruppi di lavoro accedessero al network con una frequenza molto alta (anche 50 volte al giorno), le conversazioni si sono sempre mantenute su temi lavorativi.

Un ultimo aspetto, forse meno evidente, è legato all’utilizzo di massa di una piattaforma social. Così come molte compagnie sono abituate ad analizzare i dati provenienti dai social media per prendere le loro decisioni di marketing, allo stesso modo possono analizzare i dati interni alla loro piattaforma, utilizzandola come una sorta di coscienza collettiva dell’azienda.

Piaciuta questa storia? Condividila su Facebook e fallo sapere al tuo capo!

Leggi anche:

10 consiglio per ottimizzare i profili social e trovare lavoro
Le 5 piattaforme social emergenti da tenere d’occhio
Un microchip per controllare i dipendenti
Attenzione agli insulti su Facebook possono costarvi caro
Vuoi lavorare a Facebook? Preparati a questo!

 

Video: AskaNews

Usare i social al lavoro fa bene e rende più produttivi
Usare i social al lavoro fa bene e rende più produttivi